conair120

SALA FUMATORI

CONTATTI

Via Rambotti, 16

Desenzano del Garda (BS) 

 

Tel:+39  030 3292013     Mobile:+39 335 8171350   Email:info@salafumatori.com

info@salafumatori.com

sale fumatori

REFERENZE

Sale Fumatori da noi realizzate

Sale fumatori, a norma di legge,realizzate da

salafumatori.com in tutto il territorio nazionale.

VUOI REALIZZARE UNA SalA Fumatori?

SALA FUMATORI

NORMATIVA ANTI FUMO

sala fumatori.com

Sala FUMATORI

SALE SLOT / LOCALI

Per non rinunciare al piacere della sigaretta proprio mentre  il cliente  si concede il divertimento del gioco, in una cornice che esalta le qualità della Sala Slot.

Come realizzare una Sala Fumatori?

esempio sala fumatori
122
142

DIVIETO DI FUMO NEI PUBBLICI ESERCIZI

 

l 10 gennaio 2005 è entrato in vigore il divieto di fumo in tutti i locali chiusi, ai sensi dell'art. 51 della legge 16 Gennaio 2003, n. 3 'Tutela della salute dei non fumatori', ad eccezione di quelli privati non aperti ad utenti o al pubblico, e di quelli riservati ai fumatori e come tali contrassegnati.

 

REQUISITI DEI LOCALI PER FUMATORI 
Il DPCM 23 Dicembre 2003 disciplina la realizzazione di locali esenti dal divieto di fumo, in particolare per quanto concerne caratteristiche tecniche dei locali e degli impianti di ventilazione e di ricambio d'aria. 

NOTA: la ventilazione prevista nei locali riservati ai fumatori riduce ma non elimina il rischio alla salute derivante dall'esposizione al fumo passivo di sigaretta.

 

DOMANDE E RISPOSTE 
Quanto riportato di seguito ha lo scopo di facilitare l'autoformazione su 'cosa occorre fare' per rispettare la vigente normativa in materia di tutela dei non fumatori. Come fare una salafumatori?

 

Quali sono le innovazioni introdotte dalla normativa per la tutela della salute dei non fumatori che è entrata a regime il 10/01/2005? 
La norma intende tutelare la salute dei non fumatori: quindi la regola è il divieto il fumo in tutti i luoghi pubblici ed in quelli privati aperti agli utenti ed al pubblico, compresi i pubblici esercizi (bar, ristoranti, birrerie, pizzerie, ecc.). Unica eccezione gli ambienti appositamente attrezzati e riservati ai fumatori, che però devono sottostare a specifici requisiti strutturali ed impiantistici. 

In base alla normativa è obbligatorio prevedere un locale per fumatori in un pubblico esercizio? 
No. Il titolare ha solo l'obbligo di esporre la cartellonistica di divieto di fumo e di vigilare sul suo rispetto. La scelta di attrezzare un vano per riservarlo ai fumatori, se ricorrono le condizioni per realizzarlo, è una possibilità offerta dalla normativa vigente nello spirito di comprensione verso i fumatori. 

Cosa si intende per "esercizi di ristorazione" secondo la normativa per la tutela della salute dei non fumatori? 
La dizione «esercizi di ristorazione» ricomprende integralmente tutti gli esercizi di pubblico ristoro. 

Approfondimento: Non risulta corretto, essendo in contrasto con gli obiettivi della normativa per la tutela dei non fumatori, riferirsi alla sola accezione secondo l?art. 5, comma 1, lettera a), della legge 25 agosto 1991, n. 287 "esercizi di ristorazione, per la somministrazione di pasti e di bevande, comprese quelle aventi un contenuto alcolico superiore al 21 per cento del volume, e di latte (ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie ed esercizi similari)" in quanto resterebbero esclusi gli esercizi descritti dall'art. 5, comma 1, lett. b), della legge n. 287/91, e cioè gli "esercizi per la somministrazione di bevande, comprese quelle alcoliche di qualsiasi gradazione, nonché di latte, di dolciumi, compresi i generi di pasticcerie e gelateria, e di prodotti di gastronomia (bar, caffè, gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari)".]. 

Che dimensioni può avere il locale per fumatori negli "esercizi di ristorazione"? 
Il terzo comma dell'art. 51 della legge 16 gennaio 2003, n. 3 stabilisce che "negli esercizi di ristorazione, ai sensi del comma 1, lettera b), devono essere adibiti ai non fumatori uno o più locali di superficie prevalente rispetto alla superficie complessiva di somministrazione dell'esercizio". Il concetto viene precisato dalle "prescrizioni tecniche", di cui all'allegato al DPCM 29 dicembre 2003, laddove si stabilisce che "la superficie destinata ai fumatori negli esercizi di ristorazione, ai sensi dell'art. 51 della legge 16 gennaio 2003, n. 3, deve comunque essere inferiore alla metà della superficie complessiva di somministrazione dell'esercizio". 

Nota: Considerati però i requisiti prescritti per la ventilazione è preferibile limitare il più possibile le dimensioni del locale per fumatori. Infatti un locale di ca. 30 mq richiede oltre 2268 m3/h di ricambio d'aria !!!. (30 ls=108 mc/h a persona)

I pubblici esercizi che dispongono di un solo locale potranno derogare al divieto di fumo? 
No. Possono eventualmente, verificata la fattibilità in base alle norme edilizie, suddividere il locale per ricavare un vano da destinare esclusivamente ai fumatori, nel rispetto di quanto indicato nell'allegato 1 del DPMC 23/12/03, con superficie inferiore al 50% della superficie complessiva di somministrazione dell'esercizio e tale da non costituire zona di passaggio obbligato per i non fumatori (ad es. per raggiungere i servizi igienici). 

Nel caso di un esercizio pubblico, è possibile realizzare la sala per fumatori tramite l'installazione di pareti in materiale plastico o legno o vetro? 
Si, a condizione che entrambi i nuovi locali presentino caratteristiche igienico-sanitarie e di sicurezza conformi ai requisiti minimi previsti da leggi e regolamenti: altezza interna, rapporti di aeroilluminazione, uscita di sicurezza, ecc... 

Approfondimento: va tenuto presente l'aspetto della sicurezza e di tenuta al fumo del materiale utilizzato (ad esempio le superfici vetrate devono essere ben percepibili e di sicurezza antinfortunio). 

Un esercizio dispone di due locali, uno per non fumatori e uno per fumatori. Per accedere ai servizi igienici il cliente può passare nel locale per fumatori? 


No, l'area per fumatori non può essere passaggio obbligato per non fumatori. 

Quali sono i passaggi che deve considerare l'esercente intenzionato a realizzare un vano riservato ai fumatori? 


Per eseguire opere edilizie occorre seguire il consueto iter di autorizzazione edilizia (D.I.A. o Permesso di costruire). L'installazione di un impianto di condizionamento/ventilazione è soggetta alla progettazione da parte di tecnico abilitato in relazione agli adempimenti previsti in materia di risparmio energetico e di sicurezza degli impianti. Nell'interesse dell'esercente, è opportuno che venga richiesto al progettista non solo il dimensionamento dell'impianto (UNI 10339) ma anche il costo energetico di esercizio dello stesso. Inoltre qualora l'intervento comporti l'ampliamento della superficie di somministrazione (nel caso di realizzazione di nuovi locali) occorre anche aggiornare l'autorizzazione sanitaria (Bar, Ristoranti, ecc.), ai sensi dell'art. 27 del D.P.R. 327/80 .
 

L'aria proveniente dai locali per fumatori può essere espulsa all'esterno utilizzando canne fumarie già in essere? 

Solo se un tecnico abilitato certifica l'idoneità a tale utilizzo. Rimane comunque l'obbligo di non creare disturbo o molestie a terzi per rumore, polveri, odori (da aria viziata). 

Gli alberghi sono soggetti alle disposizioni sul divieto di fumare nei pubblici esercizi? 

L'albergo è un pubblico esercizio a tutti gli effetti e pertanto anche in esso si devono rispettare le norme sul fumo (nelle camere è consentito fumare previo consenso del proprietario dell’albergo in quanto sono considerate luoghi privati).

 

Se il locale che si intende riservare ai fumatori è già dotato di aerazione artificiale, è possibile conteggiare il ricambio d'aria dell'impianto esistente?

Si, ma all’impianto esistente, si dovrà aggiungere la portata d’aria prevista dal DPCM 23/12/2003 di 30 litri/secondo per persona che è uguale a 108 mc/h a persona.

 

E' possibile ricircolare, previa filtrazione, anche in minima parte, l'aria proveniente dal locale per fumatori, al fine di ridurre i consumi per il riscaldamento/raffreddamento? 


L’aria proveniente dai locali per fumatori non è riciclabile in altri ambienti dove non è consentito fumare, ma può essere solamente pulita e riciclata all’interno dello stesso locale fumatori, come previsto dalla norma europea EN 13779. Se l’aria non fosse trattata all’interno del locale fumatori non potrebbero più essere usati i sistemi di riscaldamento e raffreddamento FAN-COIL o climatizzatori in pompa di calore che utilizzano il principio del riciclo dell’aria all’interno del locale dove vengono installati.

Inoltre se l’aria all’interno del locale fumatori viene filtrata con apparecchiature ad altissima efficienza, le batterie di scambio termico delle attrezzature addette alla ventilazione e alla riossigenazione dei locali si mantengono efficienti nel tempo.

Allo stato attuale della tecnologia i depuratori d’aria da soli non sono in grado di proteggere completamente i non fumatori dai rischi connessi all’esposizione del fumo passivo del tabacco ma questi in aggiunta agli scambiatori tutelano maggiormente la salute del fumatore (diminuendo i rischi di fumo passivo tra i fumatori stessi), sequestrano rapidamente gli inquinanti presenti nell’aria dopo l’utilizzo del locale fumatori, diminuiscono il rischio di migrazione degli inquinanti verso i locali occupati dai non fumatori e riducono la concentrazione dell’inquinamento presente nell’aria proveniente dall’esterno usata per ventilare e riossigenare gli ambienti.

 

La presa per l'ingresso dell'aria può essere costituita da una griglia di transito o da una finestra mantenuta costantemente aperta? 
No. L'aria in ingresso deve essere idoneamente filtrata ed occorre che il locale per fumatori risulti in depressione rispetto ai vani adiacenti comunicanti (valore prescritto di almeno di 7 Pascal), tenendo conto delle diverse situazioni che si possono realizzare durante l?esercizio. Quindi la presa d'aria deve essere costituita da apposita struttura che garantisca la buona qualità dell'aria prelevata ed il costante rispetto delle condizioni previste dal DPCM 23/12/2003. 

Il cameriere deve utilizzare entrambi le mani per portare al tavolo le consumazioni: è possibile potenziare l'impianto di aspirazione, così da evitare l'installazione della porta del locale fumatori? 
No, ma si può dotare il vano per fumatori di porta a chiusura automatica con braccetto a molla, abitualmente in posizione di chiusura. 

Un esercente può applicare fin da subito le disposizioni sul divieto di fumo? 
Si. L'atteggiamento è legittimo, in quanto non in contrasto con quanto prescritto dalla Legge 16/01/03 n. 3. E' sufficiente esporre dei cartelli con la scritta VIETATO FUMARE.

 

Chi sono i soggetti deputati all'irrogazione delle sanzioni? 
Agenti ed Ufficiali di Polizia Giudiziaria, ad esempio le Forze di Polizia (Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza), gli organi di vigilanza amministrativa del Comune (Vigili Urbani, ...), e gli organi di vigilanza sanitaria dell'A.U.L.S.S. (Dipartimento di Prevenzione). All'esercente spetta la vigilanza ed il richiamo al rispetto del divieto nei locali ove esso vige. Per gli edifici della pubblica amministrazione possono inoltre essere specificatamente incaricati dei dipendenti con qualifica di pubblico ufficiale. 

Quali sono i requisiti dei cartelli di divieto di fumo?

Nei locali in cui è vietato fumare sono collocati appositi cartelli, adeguatamente visibili, che evidenziano tale divieto. Ai fini della omogeneità sul territorio nazionale, tecnicamente opportuna, tali cartelli devono recare la scritta “VIETATO FUMARE” , integrata dalle indicazioni della relativa normativa legislativa, delle sanzioni applicabili ai contravventori e dei soggetti cui spetta vigilare sull’osservanza del divieto e accertare le infrazioni.

Nelle strutture con più locali da situare nei luoghi di accesso o comunque di particolare evidenza, sono adottabili cartelli con la sola scritta “VIETATO FUMARE”.

I locali per fumatori sono contrassegnati da appositi cartelli, con l’indicazione luminosa contenente la seguente scritta: “AREA PER N. …. FUMATORI”

I cartelli sono comunque integrati da altri cartelli luminosi recanti la dizione “VIETATO FUMARE PER GUASTO ALL’IMPIANTO DI VENTILAZIONE”, che si accende automaticamente in caso di mancato o di inadeguato funzionamento degli impianti di ventilazione supplementare, determinando la contestuale esclusione della scritta indicativa dell’area riservata.

Il locale non rispondente, anche temporaneamente, a tutte le caratteristiche tecniche di cui ai punti precedenti non è idoneo all’applicazione della normativa di cui all’art.51, comma 1, lettera b della legge 16 gennaio 2003, n.3.

I NOSTRI SERVIZI

PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE

IMPIANTI DI AREAZIONE

Progettazione

installazione

manutenzione

Sviluppo del progetto rispettando le direttive della legge Sirchia, con Impianti di trattamento dell'aria certificati, per piccole e grandi metrature.‚Äč

Installazione Impianto, certificato secondo la normativa vigente, realizzato da personale altamente specializzato.

Manutenzione periodica dell'impianto, realizzata mediate sostituzione e sanificazione dello stesso, con vidimazione libretto di manutenzione.

contattaci

Ti risponderemo il prima possibile

lasciaci un messaggio

informazioni

105

+39 335 8171350

108

+39 030 3292013

111

info@SALAFUMATORI.COM

RICHIEDI UN PREVENTIVO, SENZA NESSUN OBBLIGO

RICHIEDILO GRATUITAMENTE